Notizie

Loading...

domenica 17 luglio 2005

La Padania vs IADL

"Abbiamo associazioni come il Codacons che denunciano Oriana Fallaci per odio razziale e religioso e incitamento alla violenza, oppure leghe islamiche come questa Islamic Anti-Defamation League che non ha perso tempo a scagliarsi contro la giornalista e a solidarizzare con la comunità cattolica. Mi sia consentito, da cattolico, sentirmi un po’ più rappresentato dalla Fallaci che da questa league islamica. Mi piacerebbe sapere se il Corsera prenderà le difese della Fallaci apertamente oppure la lascerà nel limbo dei liberi pensatori. Così come mi piacerebbe sapere il pensiero del cosiddetto islam moderato: con chi sta?"
Editoriale di GianLuigi Paragone, direttore del quotidiano La Padania.
"Oriana Fallaci ha parlato di Europa in guerra, di un nemico che abbiamo in casa, di un islam in cui è impossibile distinguere tra moderati e fanatici. Anche su di lei è piovuto di tutto, anche due denunce da parte della Codacons (ma non dovrebbe difendere i consumatori?) e da una fantomatica Islamic Anti Defamation League. È il destino di chi dice le cose come stanno, di chi si mette dalla parte della gente comune, quella che non va in giro scortata, con le auto blu, che non ha la pattuglia della polizia sotto casa. Sembra vero che in questo Paese sia finita la libertà di parola. Chi parla, chi fa da portavoce alle istanze della gente viene denunciato, processato da strani magistrati che invece della toga indossano il jalabah".
Igor Iezzi, Primo piano
"I paladini dell’Islam in Italia si stanno già muovendo. E promettono ricorsi legali. Intanto criticano con forza l’articolo apparso ieri sul Corsera a firma di Oriana Fallaci.«Non avevamo mai sentito così forte la repulsione verso il razzismo come quando abbiamo concluso di leggere le cartelle scritte dalla signora Fallaci e pubblicate dal Corsera». Così hanno reagito all’Islamic Anti-Defamation League all’articolo apparso sul quotidiano di via Solferino a firma della Fallaci. La “fantomatica” Lega islamica antidiffamazione, in particolare, ci tiene a esprimere tutta la propria «indignazione per le tragedie che hanno portato la guerra nel cuore dell’occidente», che «non autorizza nessuno ad esprimere e fomentare l’odio razziale e religioso in questa maniera». Attraverso la sua portavoce, Halima Barre, la Lega islamica annuncia ricorsi legali, sottolineando «la sua solidarietà ai magistrati svillaneggiati dalla Fallaci, alla comunità ebraica indicata come infanticida e ai cristiani per essere costretti a subire la signora Fallaci, autoproclamatasi rappresentante del pensiero cattolico»".
La Padania, Primo piano