Notizie

Loading...

domenica 21 agosto 2005

American way of life

Foto pornografiche in cambio di terrificanti immagini di cadaveri. Il macabro scambio avviene su Internet tra un sito ad alto tasso erotico e i soldati statunitensi in Afghanistan e in Iraq. I militari vengono invitati a spedire i loro terribili scatti di corpi mutilati, carbonizzati, smembrati dalle esplosioni, promettendo in cambio l'accesso gratuito a diverse sezioni "proibite". Il risultato è una galleria degli orrori, segnalata da un blogger italiano e adesso la cosa è finita su Corriere, Repubblica e Ansa.
Un vero e proprio museo degli orrori, con foto per lo più di iracheni morti e cadaveri smembrati. Ogni messaggio contiene infatti immagini raccapriccianti, in una escalation di barbarie e crudezza, accentuata dai messaggi lasciati dai frequentatori del sito. Messaggi esaltati, non certo inorriditi, alla vista di quelle terribili istantanee prese sul teatro di guerra. Stupiscono, per il loro cinismo, persino i titoli dei vari post: i pragmatici "qualche foto in cambio dell'accesso" o "uomini morti per ingresso", ma anche il barbaro quiz "date un nome a questa parte del corpo umano", che prelude alla visione di un brandello di carne insanguinata, carbonizzata e spappolata.
Non c'é che dire: dopo il petrolio derubato per la finta "ricostruzione" (ancora oggi, e nonostante i barili di petrolio caricati gratis e i costi esageratamente alti imposti dalle ditte americane per lo "sviluppo", gli iracheni lamentano mancanza di elettricità e servizi vari, per non parlare della sicurezza), i soldati americani hanno scoperto un nuovo business: garantirsi l' "American way of life", porno incluso, sfruttando la pelle degli iracheni.