Notizie

Loading...

giovedì 4 agosto 2005

'Azzi tuoi!



Basta. Ho deciso. Chi me lo fa fare? Ogni anno sono tenuto a giustificare la mia permanenza in Italia con lo studio o con il lavoro, seguendo complicate procedure burocratiche. E invece pare che abbiano inventato un metodo molto più facile e immediato: denunciare qualcuno per terrorismo.
Si, proprio così. Nell' ultimo decreto legge approvato dal governo in materia anti-terrorismo, è infatti prevista la possibilità di ottenere un permesso di soggiorno "a fini investigativi". Il permesso in questione è elargito a chi collabora con le forze dell'ordine, aiutando a sventare possibili attacchi all'Italia.
Insomma... ci vuole niente: mi avvio verso il supermercato, butto nella borsa sempre abbandonata del vu cumprà che sosta lì davanti una mappa di Roma con alcune croci che indicano "obiettivi sensibili" (tipo, che ne so, un Mc Donald's o un Sexy shop...se vogliamo proprio esagerare il Colosseo o il Vittoriano) e poi chiamo la polizia.
Il gioco è fatto, e posso sempre raccontare di averlo visto discutere animatamente con qualche barbuto inturbantato che indossava scarpe con la punta all'insù. In fin dei conti, è senz'altro un terrorista internazionale. Eccome se lo è. Come potremmo definire, altrimenti, un marocchino che terrorizza un egiziano mezzo greco davanti ad un supermercato in Italia cercando - ogni volta - di rifilargli un accendino?
Questo è l'accendino che mi vuole vendere.
A forma di granata e per di più italiana!
Ditemi ora che non è un terrorista.
Mi vengono solo i sensi di colpa quando penso che non è prevista nessuna ricompensa per gli italiani che invece potrebbero aiutare tantissimo le forze dell'ordine in questo campo. Il pizzaiolo incazzato con il vicino kebabista che gli frega la clientela, per esempio, potrebbe dare una mano alla polizia denunciando il pericoloso rifugio di estremisti. Però, oltre l'essersi sbarazzato del kebabista, cosa ci ha guadagnato, questo buon cittadino?
Ebbene... io ci ho pensato: visto che stanno discutendo proprio ora del programma da affidare a Bonolis su Mediaset, propongo che venga lanciato un gioco televisivo che premi questi solerti informatori, rifacendosi - possibilmente - alla formula precedente di "Affari tuoi", che ha dimostrato di essere vincente. Un titolo possibile per questa nuova trasmissione potrebbe essere: 'Azzi tuoi.
Audience alle stelle, garantito.