Notizie

Loading...

giovedì 11 agosto 2005

Mentre pascolava nella savana...


Iman Abdulmajid, top model somala, nonché moglie di David Bowie - che ha sposato a Firenze nel '92 e da cui ha avuto una bimba, Alexandria Zahra Jones, che il 15 agosto compie 5 anni - si racconta in una lunga intervista a Vanity Fair, che le dedica la copertina in edicola domani.
Si torna indietro agli anni 70, quando Iman venne scoperta in Somalia dal fotografo Peter Beard. "Vi prego, non usate il verbo scoprire, lo detesto. Che significa, che prima non esistevo? Beard stava realizzando dei servizi in Mogadiscio, ci siamo conosciuti e mi ha dato l'opportunità di venire a New York. E sono partita".
Iman è stata la prima modella nera diventata famosa, in un certo senso ha fatto politica, protagonista delle copertine e delle passerelle che contano, ma ha dovuto combattere anche contro i pregiudizi.
"Pregiudizi che emergono in modo sottile. Per esempio, poiché non era interessante che io fossi la figlia di un diplomatico e che avessi studiato, Beard raccontò ai giornali che mi aveva, appunto, scoperta mentre pascolavo nella savana. E tutti a usare l'aggettivo 'esotica', un'altra parola che detesto. Un uccello, una pianta sono esotici. Non un essere umano".
Già.