Notizie

Loading...

sabato 27 agosto 2005

Non faremo prigionieri. La Polizia forse sì.

Secondo alcuni - molti per dire la verità - dovremmo mostrare pietà. Dovremmo essere generosi e magnanimi. Alcuni mi accusano di insensibilità, altri di inumanità. Potrei anche essere d'accordo con voi. E sapete perché? Perché so che se un giorno il sottoscritto dovesse essere massacrato di botte da uno come quell'Oriano Fallace a cui ora chiedo nient'altro che rendere conto delle proprie azioni, o arrestato o espulso per una legge speciale invocata dai suoi simili, tutti questi "signori/e" esulteranno. Nessuno si indignerà, anzi, per loro sarò "Un-merdoso-musulmano-in-meno". Non mi faccio nessunissima illusione e in questi momenti, quindi, mi sento molto "talmudico": "Scarica la tua ira sulle nazioni che non ti conoscono, e sui regni che non invocano il tuo nome; Scarica la tua indignazione su di loro e che la tua ira di vendetta li prenda; Perseguitali e distruggili con ira da sotto i cieli del Signore". Lo faccio perché so come si comporterebbero, se i ruoli si dovessero rovesciare. In altre parole, mi tutelo. Non vedo perché dovrei, io e chi subisce quotidianamente la campagna mediatica di diffamazione e di demonizzazione, minimizzare e subire. Per fare la fine che hanno fatto i fratelli ebrei con la Shoah?
Io sono molto neocon su queste cose, davvero. E l'efficienza educativa del mio metodo cosiddetto "inumano" è dimostrata dalla fila di baciamani, mettiamola così, che ora si sta accalcando sul blog di Dacia. Da Spanish, quello che voleva ammazzare i suoi figli di botte che ora le scrive "Dacia Valent, non sapevo che tua nonna avesse sepelito i suoi figli per colpa di un razzista( che poi era sua madre, visto che il figlio ucciso altro non era che il fratello di Dacia. Ci ha impiegato ore, per morire dissanguato, se questo dettaglio potrebbe farti piacere, deficiente) . Non lo sapevo e per questo ho detto quello che ho detto. Non si preocupi per i suoi figli, io non fare dell male neanche a una mosca. PEr questo motivo e per averla insultata e sputanata le chiedo le mie più sincere scuse. I miei insulti sono state una reazione precipitata per difendere due utenti dell foro che lei aveva criticato, ma ciò non giustifica i miei insulti razzisti verso la sua persona, per questo le torno a ripetere le mie sincere scuse e un grande pentimento da parte" (Ma che razza di italiano è, quello?) E continua "In un altro post le ho chiesto le mie più sincere scuse per le minacce. La prego perfavore di non andare oltre. Non denunciare Badwolf (un altro razzista della cricca), lui non ti ha mai insultato. Mi ha bannato, cosa altro puo`fare???Non lo denunci, lui quà non centra niente. Riaffermo le mie scuse ed il più sincero pentimento. Le supplico di non portare questo assunto oltre". E sentite le scuse: "Io ho detto solo una speranza, non ho minaciato direttamente i figli dei Dacia. Poi ho reiterato due volte le mie scuse" o le sue giustificazioni "È diverso dire: ti amazzerò! da dovresti essere amazzata! Completamente diverso. Nella prima dico una speranza o cosa penso, la seconda minacio. Ed è strano che un avvocato non sappia vedere la differenza" fino al moderatore del loro covo (il famigerato sito Thankyouoriana) che scrive "Ho provato a lasciar correre nella speranza che gli utenti indisciplinati (sapete a chi mi sto riferendo) capissero da soli di star violando le regole del forum. Evidentemente mi stavo sbagliando. In futoro non saro' piu' cosi' permissivo, ma procedero' al banning degli utenti "incivili" e per qiesto non graditi" per concludere con l'ultimo cagasotto che afferma "se nella sua azione punitiva coinvolgerà anche me, pazienza, spero come Andreotti, di sopravvivere fino ad essere scagionato".
Ora, se lasciamo questi signori filarla liscia, non impareranno mai. L' "azione punitiva", quindi, va portata fino in fondo. Anzi, io sarei dell'opinione di allargarla e fare piazza pulita, visto che ci siamo. Erudiamone alcuni/e, per educarne cento, mille, diecimila. Anche se per la Atzori, sulla questione dell'erudizione voglio dire, mi arrendo. Come è ben noto "laver la tête d'un singe, c'est gaspiller du savon". Internet è un'ambiente molto perfido, lo so. So perfettamente che ci si potrebbe incorrere in eccessi non voluti. Che tutto, dietro uno schermo, sembra divertimento e gogliardia. La pensavo anch'io cosi ma poi ho visto che le cose stavano diversamente: che ciò che poteva essere uno scherzo, anche di pessimo gusto, in realtà veniva ora scritto sui giornali, ripetuto dai media, con centinaia e centinaia di articoli, assumendo una dimensione completamente diversa. Lo spazio al divertimento, di colpo, si chiudeva e si apriva, invece, uno scenario in cui ogni parola aveva un suo preciso significato, e quindi doveva essere pesata, calibrata, sostituita all'infinito perché anche uno scherzo innocuo potrebbe essere strumentalizzato. Oriano però, l'omone di 41 anni con due bambine, non stava scherzando. E si è scusato solo perché è stato stanato. Per concludere, trovo ridicolo che la signora Atzori - quella che collabora con La Padania per intenderci (solo per avere una misura della serietà) - mi accusi di aver lasciato sul suo blog un commento allucinante, visibilmente mandato da un maschietto italico insoddisfatto, attribuendolo invece al sottoscritto e adducendo come prova un patetico indirizzo IP mancante delle ultime tre cifre (quelle che servirebbero a distinguere fra i vari utenti di Fastweb chehanno, appunto, tutti gli stessi numeri all'inizio). Probabilmente la signora Atzori, oltre a non intendersi di Islam, non capisce una mazza di informatica.
Il commento ricevuto dalla Atzori, evidentemente da uno di quelli che acquistano il giornale con cui collabora:

"Sei la solita sarda che cerca di scappare dalla miseria e dalla degradazione e si sarebbe sposata anche un cane pur di scappare dalla miserabile vita che avevi. Sei una indegnona che non ha esitato a darsi al primo uomo che ti abbia prestato attenzione. Si vede che i sardi ti schifavano proprio. Persone come te non sono degne di stare sul web oltretutto sei una mistificatrice. sardegnola fai veramente schifo"
La sua risposta:

Che vigliaccone non hai le cosidette nemmeno per firmarti. Vedi a cosa servono le cavolate che lasci su altri blog? A far scoprire il tuo IP. Un altro tassello...commento di Sherif il 16/8/2005, h 12:45 213.140.6. xxx (dal blog di barbara post titolo I DON’T KNOW THIS WOMAN). Giusto per puntualizzare ecco un altro messaggio del codardo lasciato sul blog del nostro amico Gianni G. L'Ip è lo stesso. Ops...commento di Sherif El Sebaie il 15/7/2005, h 23:29 213.140.6. xxx Grazie, Gianni, per i tuoi interventi sul blog di quella razzista denominata Stefania Atzori. Ma se vuoi proprio un consiglio, la dovresti lasciar perdere. Un caro saluto..link Devo ribadire che salvo sempre tutto?
La mia risposta
Signora Atzori...Immagino che le sue conoscenze informatiche siano proprio infime. E' normale che i primi numeri siano identici, non a caso Cannocchiale oscura gli ultimi tre che servono invece ad individuare la persona in sé. I numeri da lei riportati sono infatti comuni a tutti gli utenti di Fastweb. Domani andrò a denunciarla per diffamazione a mezzo internet, mettendo a disposizione il mio IP completo, poi vediamo se corrisponde a quello del suo commentatore di sopra.
E già che ci sono, mi faccio accompagnare da un avvocato della IADL (quella che è stata definita da uno di quei ebeti come "una polizia religiosa, modello Arabia Saudita") anche se ogni volta che la nomino si mettono tutti a ridere. Chissà perché.