Notizie

Loading...

lunedì 15 agosto 2005

Risate egiziane 2


Altre due barzellette egiziane del tipo "confessionale" (Vedi Prima Parte), alla faccia di chi sostiene che i musulmani mancano di umorismo. Colgo l'occasione per augurare a tutti un buon Ferragosto !
Barzelletta 3
Un prete guida la macchina in piena notte. Verso le quattro del mattino, un guasto lo costringe a fermare la vettura e a cercare aiuto. Non c'è nessuno nei paraggi, tranne una casetta annessa ad una moschea. Il prete allora si dirige da quelle parti e bussa. Dopo un po' esce l'imam, frastornato dal sonno, e il prete lo mette al corrente della situazione. L'imam allora si veste ed esce per dare una mano al collega. Mentre spinge, il prete lo sente invocare "O vergine!", "O San Giorgio!", "O San Marco, dammi la forza!". La macchina riparte e il prete scende per ringraziare. Dopo averlo fatto, incuriosito, chiede "Posso sapere come mai questo grande spirito interreligioso?". E allora l'imam ribatte: "Non avrei mica potuto scomodare Maometto, Sayedna il Hussein e la Sayeda Zeinab (due figure storiche ritenute sante e presso le cui tombe si recano spesso i musulmani egiziani, ndr) a quell'ora!"
Barzelletta 4
L'imam del quartiere è a passeggio, quando vede il prete della chiesa attigua correre a bordo di una peugeot. Incuriosito, lo ferma e gli chiede come ha fatto a procurarsi una macchina simile. Il prete risponde: "Facile. Dopo la messa, apro la scatola delle offerte e disegno un cerchio sull'altare. Butto i soldi dall'alto e ciò che rimane nel cerchio è di Dio, ciò che rimane fuori è per me. Così ho comprato la macchina". Dopo un po' di giorni, il prete vede il collega Imam guidare una Bmw. "Come hai fatto?", gli chiede. "Niente di più facile - risponde l'Imam - ho preso la tua idea e l'ho sviluppata un pochino. Prendo i soldi della Zakat (le offerte musulmane, ndr) e li butto in aria. Ciò che rimane in alto è di Dio. Ciò che ricade per terra, è mio."