Notizie

Loading...

sabato 13 agosto 2005

Spari intelligenti


Dopo essere stati attaccati, soldati americani hanno sparato indiscriminatamente sulla gente che usciva da una moschea. I morti - tutti civili - sono 15, tra cui otto bambini. Il fatto è stato riferito dagli abitanti della cittadina di Nasaf ed è avvenuto venerdì. Dopo l'esplosione di una bomba, i soldati americani hanno aperto il fuoco, dirigendolo contro coloro che uscivano dalla moschea. Il direttore dell'ospedale generale di Ramadi ha detto che 15 persone, tra cui otto bambini, sono rimaste uccise e altre 17 ferite. «Sparatoria indiscriminata su civili? Non è accaduto niente di simile», ha detto il capitano Jeffrey Pool, portavoce dei marines a Ramadi. Il portavoce non ha dato comunque alcuna descrizione o spiegazione dei fatti a Nasaf. Non è la prima volta che le truppe americane sono accusate di sparare sui civili in risposta ad attacchi. E poi hanno la faccia tosta di dirci che i loro sono "interventi mirati", che sono lì per "liberare i poveri iracheni" e che questa guerra "non genera terroristi".
Fonte della notizia, Corriere della Sera