Notizie

Loading...

venerdì 30 settembre 2005

IADL: si puniscano i mandanti

Sarà la IADL a fornire l’assistenza legale e l’indispensabile assistenza psicologica ad Oriana ed alla sua famiglia, composta dalla madre, vedova, e da altri due fratelli maggiori (i gemelli). È chiaro che il Legal Office della Islamic Anti-Defamation League non intende consentire che le accuse vengano derubricate a semplici ingiurie e lesioni lievi e ci aspettiamo per la bambina e la sua famiglia un’analoga mobilitazione istituzionale come quella che ci fu per il caso del professor Luis Marsiglia, con l’assegnazione di una servizio di vigilanza e scorta, soprattutto in questo caso nel quale l’aggressione è stata accertata e gli investigatori hanno già individuato i responsabili delle torture che le venivano inflitte nella generale indifferenza da più di un mese. Pur stigmatizzando la brutale stupidità di questi disgraziati, la Islamic Anti-Defamation League ritiene che anche loro siano in parte delle vittime: è anche a causa dell’irresponsabile lavaggio del cervello che certa stampa spazzatura e politicanti sconsiderati che sono stati trasformati in “crociati” dell’odio antislamico e razzista, diventando esecutori programmati delle parole d’ordine di Fallaci e Pera. Purtroppo sul banco degli imputati ci finiranno solo gli esecutori e non i mandanti.
Dal comunicato ricevuto dalla IADL