Notizie

Loading...

domenica 30 ottobre 2005

Conoscitore cercasi

Per Walter Giannò, il signore che lancia campagne a favore della rivoluzione in Iran ignorando che da quelle parti si parla il farsi e non l'arabo, il sottoscritto - che gli ha fatto notare l'orrore - sarebbe un "blogger arrogante" e la sua, invece, non sarebbe superficialità. La scusa? Ancora più superficiale: "non credo che in Italia tutti sappiano che in Iran vi sia un'altra lingua piuttosto che l'arabo". Io sarei pure un blogger arrogante, ma lui di certo è un blogger ignorante: il fatto che in Italia non tutti sappiano che in Iran vi sia un'altra lingua non è di certo una scusa, anzi. Il suo, afferma, sarebbe un errore "perdonabile": lo sarebbe se non volesse, dall'alto della sua ignoranza, organizzare gli iraniani senza nemmeno sapere che lingua parlano. Ad ogni modo, la sonora lezione che si è preso dalle pagine di questo blog è servita: la seconda richiesta urgente che ha lanciato per costruire il sito "Iran Freedom" è...."Un conoscitore della società iraniana". Già, ci voleva il sottoscritto per farglielo notare.
(Sopra, la copertina di "Tintin et le crabe aux pinces d'or", tradotta in persiano. Sotto, in arabo)