Notizie

Loading...

mercoledì 14 dicembre 2005

Campagna "Anti Islam"

L'hanno definita una vera e propria 'guerra culturale'. E' la campagna 'anti-Islam' promossa dal gruppo consiliare della Lega Nord nella Regione Emilia- Romagna per sensibilizzare i cittadini sul problema dell' 'islamizzazione'. Da oggi in tutte le province della regione sono stati affissi manifesti 3x6 con immagini di islamici che pregano dentro una moschea e di una miccia che sta per accendersi, e con lo slogan 'Islamizzati o terrorizzati. Fermiamoli!'. Da domani sara' diffuso uno spot sullo stesso tema nelle emittenti radiofoniche emiliano-romagnole. ''Si tratta - ha detto il consigliere regionale Roberto Corradi - di una campagna che vuol sensibilizzare i cittadini su un problema grave, per riaffermare le nostre radici e tradizioni e dire no all'Islam e al terrorismo''. I motivi della campagna sono stati spiegati dal presidente emiliano del partito Angelo Alessandri: ''Secondo noi - ha spiegato - un'integrazione con l'Islam e' quasi impossibile, se c'e' bisogno di manodopera possiamo rivolgerci a paesi non islamici, favorire la loro immigrazione e' un errore politico che puo' diventare un crimine. La campagna arriva anche dopo gli stupri che ci sono stati nella nostra regione: alcuni islamici vedono come una rivalsa il fatto di violentare le nostre donne''. Gli ha fatto eco il presidente della Lega Nord Romagna, Gianluca Pini, che ha definito l'iniziativa promossa dalla Lega ''una guerra culturale al terrorismo condotta con le armi della democrazia e della civilta' (sic)''