Notizie

Loading...

sabato 10 dicembre 2005

Mezzaluna d'Oro: Destra e Lega scatenati

Un momento della protesta silenziosa dei consiglieri comunali di Forza Italia e Lega Nord a Palazzo Vecchio durante la consegna del premio Mezzaluna d'Oro. Si notino i cartelli con le stelline e i cuoricini al posto dei punti delle "i". Il secondo, da destra, è Paolo Amato capogruppo di Forza Italia a Firenze.

ANSA (CRO) - 07/12/2005 - 19.43.00

Il sindaco di Firenze, Leonardo Domenici e quello di Marano (Napoli), Mauro Bertini, sono stati premiati questa sera in Palazzo Vecchio con la Mezzaluna d'Oro, il premio istituito dalla Iald, la ''Islamic anti-defamation league'', per ''la loro azione nella promozione del dialogo e nella tutela delle minoranze etniche e religiose''. La manifestazione, nei giorni scorsi, era stata contestata dagli esponenti della Cdl in Palazzo Vecchio, perche' nella motivazione del premio a Domenici si parlava anche di ''difensori'' contro le offese espresse alla comunita' islamica da Oriana Fallaci. Motivazione che, anche su richiesta di Domenici, e' stata tolta dagli organizzatori del premio. Con loro sono stati premiati anche il gup di Milano Maria Clementina Forleo; Oriana Napoli, la tredicenne di Biella alla quale un giovane teppista alla fine di settembre aveva disegnato una svastica in un braccio; i giornalisti Angela Lano e Sherif el Sebaie del ''Manifesto''. Domenici e Clementina Forleo non erano presenti e i loro premi sono stati ritirati, rispettivamente, dal presidente della Commissione Pace del consiglio comunale Lorenzo Marzullo e da tre bambine della comunita' islamica toscana. A consegnare le Mezzalune d'oro, oltre a Dacia Valent responsabile toscana della Iald, il presidente dell'Unione delle comunita' islamiche in Italia Hanza Piccardo, il presidente della Comunita' islamica toscana Ilzir Izzedin e l'Iman di Colle Val D'Elsa (Siena) Feras Jabareen. Durante la cerimonia alcuni consiglieri di An e di FI hanno manifestato in silenzio, esponendo cartelli in difesa di Oriana Fallaci e in ricordo dei caduti di Nassiriya. Il sindaco di Marano ha difeso la sua scelta di intitolare una strada a Yasser Arafat, ma ha anche annunciato che il suo Comune intitolera' una strada ''alle vittime di Nassiriya'': ''Non ai caduti o ai martiri - ha detto - come qualcuno li chiama, ma alle vittime della mistificazione di chi li manda comunque a fare una guerra o che per la mancanza di lavoro che c'e' nel Sud Italia sono costretti a scegliere l'esercito''. Il presidente dell'Ucoii, Piccardo, ha ribadito che e' intenzione ''di tutti i musulmani, cittadini italiani, di reagire con fermezza, ma secondo le leggi, a tutte le provocazioni e gli insulti che verranno rivolti agli appartenenti alla comunita' islamica''.
(ANSAmed) - FIRENZE, 7 DIC
Il sindaco di Firenze, Leonardo Domenici e quello di Marano (Napoli), Mauro Bertini, sono stati premiati questa sera in Palazzo Vecchio con la Mezzaluna d'Oro, il premio istituito dalla Iald, la "Islamic anti-defamation league", per "la loro azione nella promozione del dialogo e nella tutela delle minoranze etniche e religiose". La manifestazione, nei giorni scorsi, era stata contestata dagli esponenti della Cdl in Palazzo Vecchio, perché nella motivazione del premio a Domenici si parlava anche di "difensori" contro le offese espresse alla comunità islamica da Oriana Fallaci. Motivazione che, anche su richiesta di Domenici, è stata tolta dagli organizzatori del premio. (ANSAmed).
ASCA (REG) - 07/12/2005 - 20.29.00

Centrodestra fiorentino compatto contro la cerimonia di consegna dei premi 'Mezzaluna d'Oro', attribuiti dalla 'Islamic anti-defamation league', che si e' svolta oggi in Palazzo Vecchio. Paolo Amato (Fi) ha rilevato che ''ne' il sindaco Domenici, che pure era tra i premiati, ne' altri esponenti della maggioranza o del gruppo di Prc di Palazzo Vecchio erano presente alla cerimonia. Un segno del flop di questa manifestazione''. Amato e altri esponenti del centrodestra hanno manifestato pacificamente durante la premiazione, esponendo cartelli di solidarieta' nei confronti di Oriana Fallaci e in ricordo delle vittime di Nassiryia. Parlando con i giornalisti il consigliere Enrico Bosi (FI) ha annunciato l'intenzione di non partecipare piu' alle sedute della Commissione Pace di Palazzo Vecchio, presieduta da Lorenzo Marzullo (PdCi) che ha ritirato il premio a nome di Domenici, per le ''continue proposte provocatorie che vengono portate alla nostra attenzione''. Contrari all'iniziativa anche il consigliere regionale Maurizio Dinelli (Fi), che ha invitato ''il sindaco Domenici a non prestarsi a strumentalizzazioni'', e il segretario della Lega Nord toscana Vincenzo Soldati.
ANSA (CRO) - 07/12/2005 - 12.17.00
Non solo gli Ambrogini d' oro, l' anno prossimo la Lega Nord istituira' la 'Mezzaluna d' oro'. E' quanto Matteo Salvini, europarlamentare e capogruppo del Carroccio in consiglio comunale a Milano, ha spiegato poco prima dell' inizio della premiazione della massima onorificenza milanese ai giornalisti che gli chiedevano un commento sulla premiazione a Oriana Fallaci. ''Istituiremo la Mezzaluna d' oro - ha detto - e penseremo di darla a certi ex prefetti e a cardinali che hanno piu' l' occhio all' islam che alla croce''. ''Vogliono eliminare le croci perche' danno fastidio - ha aggiunto - vogliono eliminare i canti di Natale perche' danno fastidio: qualcuno vuole un genocidio di una cultura che una storia lunga duemila anni''.
APBS (POL) - 07/12/2005 - 17.27.00
La Lega, secondo le parole di Salvini, sta pensando ad istituire il premio della Mezzaluna d'Oro a Milano "perchè ce ne sarebbero tanti da premiare" ha detto il rappresentante del Carroccio. "Se volessi provocare penserei a qualche ex prefetto o a qualche cardinale tutt'ora in carica che magari ha più l'occhio alla Mezza Luna che non al Crocifisso. Non più la croce perchè dà fastidio, non più i presepi perchè dan fastidio, negli asili non più i canti di Natale perchè dan fastidio...penso - ha concluso - che stiamo assistendo ad un genocidio culturale di un popolo che ha una storia vecchia di 2.000 anni".
APBS (POL) - 07/12/2005 - 13.18.00
"Il sindaco di Firenze, con il suo comportamento a dir poco ambiguo, oggi, accettando di ricevere la 'Mezzaluna d'oro', compie un atto di tradimento verso la sua città ed i valori che, storicamente, essa rappresenta: civiltà e democrazia". Con queste parole Mario Borghezio, europarlamentare della Lega Nord, commenta in una nota l'onorificenza che Leonardo Domenici, sindaco di Firenze, riceve oggi a Palazzo Vecchio dalla Islamic Anti-defamation League (Iadl). "E' a tutti evidente che i fondamentalisti mussulmani che lo premiano lo fanno esclusivamente per ricompensarlo per il suo atteggiamento vergognosamente avverso ad una figura-simbolo della nostra identità e della cultura fiorentina, qual è la scrittrice Oriana Fallaci. L´unica cosa giusta in questa situazione è che, in questa occasione, il sindaco Domenici verrà associato al giudice Forleo e al sindaco (di Marano) che ha indegnamente cancellato il nome degli errori di Nassiriya per sostituirlo con quello del terrorista Arafat: la compagnia che merita". Conclude Borghezio nella nota. Il premio - recita la motivazione inviata lunedì dalla presidente della Iadl - viene attribuito a Domenici "per l'azione continuativa rivolta al dialogo, alla comprensione tra le persone e le culture, per aver contribuito ad evitare che la differenza possa essere motivo di scontro, per aver dimostrato comprensione nei confronti delle diversità, per l'umanità per i deboli e per aver tenuto una posizione ferma e coerente a favore dell'incontro tra civiltà e religioni diverse". Sempre oggi il Comune di Milano ha premiato proprio Oriana Fallaci, che non era presente alla cerimonia, con l'Ambrogino d'oro.
APBS (POL) - 08/12/2005 - 12.42.00
Contro questa sinistra islamista, credo che sia opportuno candidare al Parlamento Oriana Fallaci. Come indipendente". Questa la conclusione di un articolo pubblicato oggi sulla Padania, il quotidiano della Lega Nord, da Gianluigi Paragone, direttore del giornale. La proposta lanciata dal quotidiano del Carroccio trae origine da un episodio accaduto ieri: a Milano sono infatti stati assegnati ieri sera al teatro Dal Verme gli Ambrogini d'oro, la più alta onorificenza meneghina. Premiata, tra gli altri, anche la scrittrice Oriana Fallaci (su proposta della Lega Nord), che non ha potuto ritirare il premio di persona. Nonostante l'assenza, al momento della premiazione e della consegna dell'ambrogino a Roberto Mazzone, 'sostituto' della scrittice fiorentina, si sono levati fischi e urla contro la Fallaci. "Non l'hanno voluta senatore a vita - afferma oggi Paragone sulla Padania - ieri, però, la sinistra si è superata e ha persino negato alla Fallaci la dignità di donna libera, intellettuale scomoda e voce di un paese che ritiene a ragione che tra Islam e Occidente è in corso uno scontro di civiltà". Del resto, prosegue l'editoriale, a Milano "i fischi e le urla contro l'Ambrogino alla scrittrice" si sono levati "mentre Firenze vedeva la consegna del premio 'Mezzaluna d'oro'", assegnato tra gli altri al gup della Procura di Milano Clementina Forleo, che ha assolto dall'accusa di terrorismo alcuni imputati nordafricani, e al "sindaco di Marano che tolse la via Caduti di Nassirya per celebrare Arafat". Paragone va quindi all'attacco del candidato del centrosinistra alle primarie milanesi e premio Nobel per la letteratura Dario Fo, che avrebbe definito la Fallaci come "razzista", e contro "gli attori-politici della sinistra che davanti al teatro mettevano in scena la loro protesta: il comico Bebo Storti, consigliere regionale in quota comunista, in compagnia di Moni Ovadia e Ottavia Piccolo". "Razzista, ambasciatrice d'odio - prosegue Paragone - rozza: questa è la sinistra che si candida a guidare Milano e militarizza la consegna del premio per scopi elettorali, per dare ossigeno alle primarie sotto l'ombra della Madonnina". "Così va il mondo - conclude il direttore della Padania - quando lo fa girare la sinistra amica dell'Islam. 'Buu' contro la Fallaci, contro Dambruoso (magistrato grazie alle cui indagini si è squarciato il velo sul terrorismo islamico), contro la Lega che propone Oriana. Contro questa sinistra islamista, credo che sia opportuno candidare al Parlamento Oriana Fallaci. Come indipendente".
ADNK (CRO) - 07/12/2005 - 18.28.00
''Le motivazioni iniziali del premio Mezzaluna sono parte di quella cultura anti-occidentale e anti-democratica a cui si ispira l'Islamic anti-difamation league, l'associazione che ha proposto un premio per Domenici. Una cultura che non ci appartiene e che insulta e mette a rischio la liberta' di ognuno di noi. Domenici non puo' accettare un premio contro Firenze, la Toscana, l'Italia e l'intero Occidente''.Lo ha detto Maurizio Dinelli, presidente del gruppo di Forza Italia nel Consiglio regionale della Toscana, a proposito dell'attribuzione della Mezzaluna d'Oro al sindaco di Firenze, Leonardo Domenici. ''Le motivazioni del premio sono chiare: essersi rifiutato di premiare la Fallaci. Domenici - continua Dinelli - non puo' nascondersi davanti alla realta'. Non si puo' creare motivazioni su misura. Se accetta la Mezzaluna d'Oro, il sindaco di Firenze si assume la responsabilita' di avallare una cultura di morte che combatte chiunque porti alta la bandiera di valori dell'Occidente sia essa una tra le scrittrici piu' apprezzate d'Italia o la seconda carica dello Stato, il presidente del Senato, anche in questo caso chiamato in causa per la difesa della nostra identita' di occidentali e di cristiani.'' ''Contro il razzismo, l'odio, la violenza di certe posizioni - continua Dinelli - possiamo e dobbiamo contrapporre la liberta', la democrazia, i valori e le nostre radici greco-cristiane. Non possiamo, capisca bene il Sindaco Domenici, renderci complici di chi vuole la distruzione della nostra civilta'. Una civilta' di sviluppo e di progresso che ha permesso a miliardi di persone di convivere liberamente, esprimere le proprie idee, professare le proprie religioni, portare avanti le proprie tradizioni culturali.'' ''Piena e sentita solidarieta' quindi - conclude Maurizio Dinelli - ad Oriana Fallaci ed un monito al sindaco Domenici affinche' non si presti al gioco, ormai fin troppo chiaro, della strumentalizzazione portata avanti in mille modi da chi, fanaticamente, insegue solo la negazione della vita per tutti. Islam moderato compreso.''
ANSA (CRO) - 07/12/2005 - 18.46.00
Qualche attimo di tensione questa sera in Piazza Signoria al termine della consegna del premio ''Mezzaluna d'Oro'', istituito dalla Iadl (Islamic Anti-Defamation League). Una quindicina di esponenti della Lega Nord, che avevano organizzato un presidio davanti a Palazzo Vecchio contro la manifestazione, sono venuti a contatto con una ventina di militanti di Prc e della sinistra. A dividere i contendenti, prima che la situazione degenerasse, sono stati gli agenti della polizia e i carabinieri presenti. Poi, per alcuni minuti, i due gruppetti si sono scambiati invettive e slogan senza pero' ulteriori problemi. All'interno della sala Incontri di Palazzo Vecchio, dove si e' svolta la cerimonia, alcuni consiglieri comunali della Cdl avevano manifestato, pacificamente, esponendo cartelloni in favore di Oriana Fallaci e in ricordo dei caduti di Nassiriya senza, peraltro, creare problemi alla cerimonia ma declinando l'invito rivolto loro da Dacia Valent (Iadl) di prendere la parola al termine della premiazione. Fuori dalla sala, prima di scendere in Piazza Signoria, uno dei presenti aveva apostrofato un consigliere di An, ma era stato subito allontanato dalle altre persone e dagli organizzatori. Oltre che a Domenici, i premi sono stati attribuiti anche al sindaco di Marano (Napoli) Mauro Bertini, al magistrato milanese Clementina Forleo (che non era presente) a Oriana Napoli, la tredicenne di Biella sfregiata con una svastica, ai giornalisti Angela Lano e Sherifel Sebaie del 'Manifesto'. I premi sono stati consegnati da Dacia Valent (Iald), dal presidente dell'Unione delle comunita' islamiche in Italia (Ucoii) Hamza Piccardo, dal presidente della Comunita' islamica toscana Ilzir Izzedin e dall'Iman di Colle Val D'Elsa (Siena) Feras Jabareen. Nel corso della cerimonia, Piccardo ha ribadito che e' intenzione ''di tutti i musulmani, cittadini italiani, di reagire con fermezza, ma secondo le leggi, a tutte le provocazioni e gli insulti che verranno rivolti agli appartenenti alla comunita' islamica''.
ASCA (CRO) - 07/12/2005 - 19.04.00
Tensione questo pomeriggio in Piazza della Signoria a Firenze, al termine della consegna della 'Mezzaluna d'Oro', conferita dall'Islamic Anti-Defamation League (Iadl) al sindaco Leonardo Domenici. Dopo la consegna del premio, ritirato dal consigliere Lorenzo Marzullo in rappresentanza di Domenici, all'esterno del Palazzo una quindicina di esponenti della Lega Nord, che avevano organizzato un presidio di protesta, sono venuti a contatto con un gruppo di militanti di sinistra. I due gruppo sono stati separati da polizia e carabinieri e le due parti si sono quindi fronteggiate a distanza, lanciando slogan. All'interno di Palazzo Vecchio, nella sala in cui si e' svolta la cerimonia, alcuni consiglieri comunali della Casa delle Liberta' hanno manifestato pacificamente, mostrando cartelli di solidarieta' nei confronti di Oriana Fallaci e in ricordo dei caduti di Nassiyria. La premiazione si e' comunque svolta regolarmente e gli stessi consiglieri hanno declinato l'invito fatto loro da Dacia Valent della Iadl di prendere la parola.
AGI (CRO) - 07/12/2005 - 19.30.00
Tensione nel tardo pomeriggio di oggi in Piazza Signoria a Firenze. Al termine della consegna del premio "Mezzaluna d'Oro" da parte della Iadl (Islamic Anti-Defamation Laegue) al sindaco di Firenze Leonardo Domenici (assente alla cerimonia), alcuni esponenti della Lega Nord Toscana, che avevano promosso una dimostrazione davanti a PalazzoVecchio contro la consegna del premio, si sono "incrociati" con alcuni militanti del Prc e dei Ds. Sono volati alcuni spintoni e molte offese. La situazione non e' degenerata solo grazie all'intervento di polizia e carabinieri, che hanno diviso i due gruppetti che, comunque, hanno continuato a scambiarsi offese e cori per alcuni minuti. Durante la cerimonia di consegna del premio. All'interno della sala Incontri di Palazzo Vecchio, dove si e' svolta la consegna della "Mezzaluna d'oro", alcuni consiglieri comunali della Cdl hanno manifestato esponendo cartelloni in favore di Oriana Fallaci ed in ricordo delle vittime di Nassyria senza. Tensione anche fuori dalla sala dove e' stato consegnato il premio, con un esponente del Prc che ha aggredito verbalmente un consigliere di An.
ADNK (CRO) - 07/12/2005 - 21.01.00
Attimi di tensione oggi pomeriggio a Firenze, in piazza della Signoria, al termine della consegna della 'Mezzaluna d'Oro', conferita dall'Islamic Anti-Defamation League (Iadl), tra gli altri, al sindaco Leonardo Domenici, al gup di Milano Valentina Forleo e al sindaco di Marano (Napoli), Mauro Bertini. Una quindicina di esponenti della Lega Nord, che avevano organizzato un presidio di protesta, sono venuti a contatto con un gruppo di militanti di sinistra. Per separarli sono dovuti intervenire polizia e carabinieri e le due parti si sono fronteggiate a distanza a suon di slogan. All'interno di Palazzo Vecchio, nella sala in cui si e' svolta la cerimonia, alcuni consiglieri comunali della Casa delle Liberta' hanno manifestato pacificamente, mostrando cartelli di solidarieta' nei confronti di Oriana Fallaci e in ricordo dei caduti di Nassiyria. La motivazione del riconoscimento e' stata quella della ''azione nella promozione del dialogo e nella tutela delle minoranze etniche e religiose''. Il sindaco Domenici ed il Gup Forleo non erano presenti. Tra i premiati i giornalisti Angela Lano e Sherifel Sebaie de 'Il Manifesto' e anche Oriana Napoli, la ragazza di tredici anni di Biella alla quale, nel settembre scorso, un giovane aveva disegnato una svastica su un braccio.