Notizie

Loading...

sabato 14 gennaio 2006

Sharon peggiora...

Fonte Ansa - Da dieci giorni ormai Ariel Sharon e' in coma nel reparto di terapia intensiva dell' ospedale Hadassah di Gerusalemme e non sembra dare segnali di risveglio nonostante i medici abbiano fortemente ridotto gli anestetici. Cresce cosi di nuovo la preoccupazione in Israele dopo che all'inizio della settimana le dichiarazioni ottimistiche di alcuni dei suoi dottori avevano fatto pensare a un risveglio in tempi non troppo lunghi e a un certo grado di recupero possibile dopo la massiccia emorragia cerebrale subita il 4 gennaio. La radio pubblica israeliana oggi ha affermato che ''il fatto che il primo ministro non abbia ancora ripreso coscienza significa che la situazione non e' buona''. ''Piu' il tempo passa - ha aggiunto l'emittente - e piu' diminuiscono le speranze di vedere il premier riprendere coscienza''. Il governo ora targato Olmert si e' confrontato anche con le provocazioni dei coloni estremisti di Hebron, che da giorni sono protagonisti di atti di violenza contro i palestinesi e contro le forze di sicurezza israeliane. Alcune centinaia di coloni hanno attaccato lanciando pietre le abitazioni dei palestinesi nel quartiere di Abu Snena a Hebron e hanno cercato di irrompere nella Casbah. I circa 500 ultra' ebrei che abitano a Hebron nel settore sotto controllo israeliano cercano di impedire che vengano sgomberati, come e' stato deciso dalla corte suprema, alcuni negozi occupati illegalmente da anni da nove famiglie di coloni nel mercato della verdura della citta' palestinese.