Notizie

Loading...

mercoledì 14 giugno 2006

Hadji Girl

Non è ancora chiaro se quello che circola sul web è un video autentico. Di certo il filmato del soldato americano che intona una canzone sull'uccisione dei civili iracheni ha provocato scandalo e polemiche negli Stati Uniti. Le immagini mostrano un ragazzo che, accompagnandosi con una chitarra, canta un pezzo «ispirato» alle vicende irachene. Le parole sono agghiaccianti: si parla dell'uccisione di bambini, di «gioiose» esecuzioni di civili. «Ho afferrato la sua sorella più piccola e l'ho messa di fronte a me. Le pallottole fischiavano e il sangue ha cominciato a uscire in mezzo ai suoi occhi, mi sono messo a ridere come un maniaco. Poi l'ho uccisa». E, in sottofondo, si sentono risate e applausi. Il titolo del video è «Hadji girl». Il termine, in arabo, indica una persona che ha compiuto il pellegrinaggio alla Mecca, ma fra le truppe americane è spesso usato in maniera dispregiativa. Comunque, anche se non fosse vero, i gloriosi marines ci hanno abituato a ben peggio: da Abu Ghraib a Haditha, abbiamo l'imbarazzo della scelta...Video a parte, il solo fatto che usino normalmente il termine "hadji" in senso dispregiativo la dice lunga sul rispetto che serbano le truppe di "liberazione" alla cultura e religione del popolo iracheno. Ah già, mi ero scordato: in Irak formalmente non c'è un regime di occupazione. Non possiamo metterlo in dubbio: l'ha detto Magdi Allam!