Notizie

Loading...

martedì 10 ottobre 2006

Riapre la scuola araba

Image Hosted by ImageShack.us

E ricomincia il circo mediatico della Destra sulla "scuola islamica" e l'insegnamento dell' "Islam violento". Ricordo quindi quanto scrissi a suo tempo su Il Giorno, mentre sottolineo qui in grassetto i motivi per cui questa scuola risulterebbe - mosse burocratiche e mediatiche sleali a parte - inattaccabile.

MILANO - La Repubblica. Senza aspettare l'autorizzazione della Direzione scolastica provinciale, ma formalmente nel rispetto della legge, hanno preso il via oggi a Milano le lezioni della nuova scuola araba aperta dall'associazione "Insieme". Si tratta di un istituto che ospita circa cento alunni di elementari e medie divisi in classi miste. La maggior parte sono figli di immigrati egiziani o di famiglie miste italo egiziane che in passato frequentavano la scuola di via Quaranta, poi chiusa ufficialmente per problemi igienico sanitari e di inagibilità dell'edificio. La nuova struttura è invece perfettamente efficiente e a norma con tutti i requisiti edilizi. Realizzata in un edificio di via Ventura 4 con il patrocinio del consolato egiziano, la scuola è dedicata al filosofo arabo Nagib Mahfuz ed è stata finanziata con i fondi raccolti privatamente dall'associazione "Insieme". A insegnare sono stati chiamati sia docenti italiani che di madre lingua araba. A dare il via libera definitivo alle attività didattiche dovrà essere la Direzione scolastica di Milano, che ha circa 60 giorni di tempo per decidere se concedere o meno le autorizzazioni necessarie. I promotori dell'iniziativa sono comunque convinti di avere tutte le carte in regola per portare avanti il progetto. Certezza che non è bastata naturalmente ad evitare le polemiche politiche. "Non vedo la necessità di aprire una scuola islamica a Milano, quindi auspico non ci sia alcuna autorizzazione per l'istituto di via Ventura", ha commentato l'assessore al commercio Tiziana Maiolo (Forza Italia). Da Palazzo Marino fanno inoltre notare che l'apertura, prima della concessione delle autorizzazioni, è "uno strappo" che non fa certo bene alla soluzione della situazione. Ancora più dura l'opposizione della Lega Nord che ha annunciato per domani alle 12 un presidio di protesta davanti alla scuola araba. "Sarebbe pericoloso - ha affermato il capogruppo del Carroccio in consiglio comunale Matteo Salvini - avere un istituto in cui a bambini di 7-8 anni venga insegnato un islam violento".