Notizie

Loading...

martedì 6 marzo 2007

E 4!

Sale a quasi quattro milioni il numero degli immigrati in Italia: il sette per cento dell'intera popolazione italiana. E il 19,4 è irregolare. Il dato, relativo a inizio 2006, emerge dal XII Rapporto sulle Migrazioni eleborato dalla Fondazione Ismu. Sul fronte del lavoro, il Rapporto mette in luce come, a fine 2005, l'incidenza dei lavoratori immigrati sulle iscrizioni Inail è molto ampia, arrivando al 16 per cento del totale. Positivo il dato sulle assunzioni a tempo indeterminato, pari all'85 per cento del totale. Solo 334 mila, ossia il 4,2 per cento degli immigrati complessivi, sono - secondo i dati di Infocamere - gli imprenditori stranieri registrati a fine 2006. In aumento anche il numero degli immigrati proprietario di immobili. A metà 2005 il 10,9 per cento ha dichiarato di essere proprietario di una casa; il 18 per cento ha detto di avere intenzione di acquistare un immobile nell'immediato futuro. In vista del futuro, per la Fondazione Isum si prospetta un'impennata nei prossimi 10 anni: nel 2016 il numero di immigrati in Italia potrebbe infatti oscillare tra un minimo di 5,5 milioni a un massimo di circa 7 milioni. Un aumento drastico che, secondo il Rapporto, potrebbe essere anche legato alle nascite destinate a raddoppiare o anche a triplicare. Il che significa che i minori potrebbero - sempre nel 2016 - oscillare tra un minimo di 1,395 milioni e un massimo di 1,720 milioni.