Notizie

Loading...

giovedì 31 maggio 2007

Un autorevole giudizio accademico

Nel suo ultimo libro il vicedirettore onorario del Corriere della Sera, Magdi Allam, cita il professor Massimo Campanini, che insegna Storia contemporanea dei paesi arabi all'Istituto Universitario Orientale di Napoli e Civiltà islamica al S. Raffaele di Milano, usando queste parole: "Il caso del prof. Campanini non è l'unico. L'Università italiana pullula di professori cresciuti all'ombra delle moschee dell'UCOII, simpatizzanti coi Fratelli Musulmani, inconsapevolmente o irresponsabilmente collusi con la loro ideologia di morte". Un' affermazione alla quale Campanini ha deciso di rispondere con una lettera al quotidiano telematico Voce d'Italia, che si può leggere integralmente - e che consiglio vivamente - qui. Mi limito, in questa sede, a riportare l'autorevole parere del Prof. Campanini su Allam: "Nel suo libro "Viva Israele" Magdi Allam mi imputa di essere nemico dello stato ebraico, di non comprendere la democrazia occidentale e soprattutto di essere colluso col terrorismo islamico. Stupisce l’assoluta ignoranza da parte del noto giornalista delle problematiche in campo. (...) Il mondo musulmano appare dunque assai più variegato e plurale di quello che certe interpretazioni pregiudiziali e tendenziose vogliono far apparire e non sarebbe male che chi scrive abbia una visione d’insieme anche della letteratura scientifica."