Notizie

Loading...

sabato 2 giugno 2007

Magdi Allam e Il Corriere condannati dal Garante

In riferimento al ricorso presentato al Garante della Privacy da Hamza Roberto Piccardo, Portavoce del European Muslim Network, e già portavoce dell'UCOII (Unione delle Comunità ed Organizzazioni Islamiche in Italia) contro Magdi Allam, Vicedirettore Onorario del Corriere della Sera e lo stesso quotidiano, in merito alla pubblicazione non autorizzata di corrispondenza privata (Per capire la vicenda, leggere qui - le mie dichiarazioni alla agenzie e qui, l'intervista concessa alla blogger coinvolta nella faccenda) , mi compiaccio di pubblicare il seguente comunicato:
"Nel caso di specie, la diffusione dei dati personali del ricorrente (Hamza Piccardo, ndr) contenuti in una corrispondenza privata allo stesso inviata a mezzo posta elettronica dev'essere valutata, oltre che alla luce dei principi in materia di protezione dei dati personali, tenendo conto del complessivo quadro normativo posto a tutela della libertà e della segretezza della corrispondenza e di "ogni altra forma di comunicazione" (art. 15 Cost.). Il riconoscimento e la garanzia costituzionale operano a prescindere del mezzo di corrispondenza scelto, tenuto anche conto che "la stretta attinenza della libertà e della segretezza della comunicazione al nucleo essenziale dei valori della personalità (..) comporta un particolare vincolo interpretativo, diretto a conferire a quella libertà, per quanto possibile un significato espansivo (Corte Cost.) (…) nel caso di specie interi stralci (di una corrispondenza privata) risultano essere stati pubblicati in assenza di un consenso dei diretti interessati. Il ricorso dev'essere pertanto accolto per quanto concerne all'ulteriore diffusione dei dati personali relativi all'interessato contenuti nell'articolo del 16 gennaio 2007 attualmente pubblicato attraverso edizioni on-line del quotidiano "Corriere della Sera"… va conseguentemente inibito all'editore di diffondere in ogni forma tali dati personali senza il consenso di cui all'art. 93 della legge sul diritto d'autore. Va altresì ordinato quale misura a tutela dell'interessato la cancellazione di tali dati dalle predette edizioni al più presto e comunque non oltre il 5 giugno 2007.
Martedì 29 il Corriere ottemperava e rimuoveva l'articolo dall' archivio del Forum "Noi e gli altri" moderato da Magdi Allam.