Notizie

Loading...

lunedì 30 luglio 2007

Momenti (e commenti) particolari

"O Sherif è andato in vacanza o in questo momento particolare causa attivismo delle cellule terroristiche a Perugia ha preferito defilarsi".
Ho ritrovato il simpatico (e allucinante) commento sopra riportato fra quelli che non sono riuscito a pubblicare in questa settimana di assenza. Ovviamente, il fatto che io sia tornato a scrivere dovrebbe tranquillizzare il lettore in questione, evidentemente e sinceramente (sic) preoccupato per la mia sorte: sono semplicemente andato in vacanza, per meglio riflettere e tornare con nuove considerazioni sulla realtà in cui viviamo e che spesso ci sfugge. Anzi, nel corso del viaggio, passando per Colle Val D'Elsa - città di residenza dell'Imam più odiato da Magdi Allam (e per questo sicuramente terrorista) nonché sede della discussa e futura moschea (e per questo immancabile tappa di pellegrinaggio) - sono stato pure fermato dai Carabinieri per un casuale controllo autostradale. Dopo una breve sosta, la carta d'identità mi è stata restituita con tanti saluti e auguri di buon viaggio: evidentemente non avevano ancora avuto sentore dell'esposto presentato a mio carico da Adriana Bolchini, parapsicologa che si occupa del paranormale e di esoterismo, autrice di testi quali «La guida pratica alla magia bianca» e «Il manuale del perfetto cartomante», nonché ospite della trasmissione taroccata di Santoro sulle donne e l'Islam. Ovviamente mi rendo conto che rivelando di essere in Italia, io smentisca di fatto la notizia che avevo precedentemente comunicato in merito ad un mio trasferimento in America Latina. Non è affatto vero. E' che sono come Fu Fallaci: sono in esilio, ma in Italia, anzi nella mia Italia, ci torno quando e come voglio.
“Quando mi manca Firenze anzi la mia Toscana, cosa che mi accade con ancor maggior frequenza, non ho che saltare su un aereo e venirci (…) A Firenze, anzi nella mia Toscana infatti, ci vivo più di quanto si creda. Spesso, mesi e mesi o un anno di fila. Se non si sa è perché ci vengo alla Mazzini”. Oriana Fallaci.