Notizie

Loading...

mercoledì 26 novembre 2008

Brava gente, bravi figli

Alessandro Bruschi, 20 anni, Enrico Giovanardi, 19, Fabio Volanti, 20, e Matteo Pagliarani, 19. I quattro "bravi ragazzi" che hanno dato fuoco ad un senzatetto che dormiva su una panchina in un parco per "divertirsi". Una "bravata", dicono adesso. Curioso, questo paese, davvero: quello che la "bravata" l'ha fatta davvero - rubare due pacchi di Ringo - è morto sprangato al grido di "sporco negro" e la magistratura ha sancito che il razzismo non c'entrava. I quattro "bravi ragazzi", invece, che hanno freddamente pianificato un atroce omicidio ai danni di un poveraccio (che è stato salvato grazie alla tempestiva chiamata al 118 di una ragazza straniera che passava nelle vicinanze) reo di aver detto di voler "aiutare i vigili urbani: nel caso avesse notato qualcosa di strano o qualcuno che si comportava male", sono attorniati da papà e mamme "sconvolti" (di come hanno educato i loro figli?), avvocati (che prima o poi- più prima che poi - li tireranno fuori) e telecamere (cosi si esaltano di più, visto che già si "sentivano importanti" per essere finiti su giornali e Tv). E c'è già chi invoca "Io non sono per il carcere, io vorrei che questi qui passassero tutti i pomeriggi, un anno intero, in un reparto grandi ustionati. Un contrappasso dantesco". Glielo voglio descrivere io, il contrappasso dantesco adatto a sti figuri...