Notizie

Loading...

lunedì 6 luglio 2009

Afef Jnifen, Ministro. Contro Allam

ANSAMed - ''Chissa' - dice maliziosamente - voi forse potreste parlare di me come ministro del governo!''. Il governo e' quello italiano, il ''voi'' e' riferito ai lettori del quotidiano di Tunisi Le Temps, al quale Afef Jnifen Tronchetti Provera ha rilasciato un'intervista riportata a tutta pagina. La bellissima Afef, tunisina purosangue nata quarantuno anni fa a Medenine, alle porte del Sahara, aveva appena terminato di partecipare, in qualita' di ospite, ad una diretta negli studi televisivi di Nessma T.V. (25 per cento detenuto da Mediaset), nel corso della quale aveva ricordato la sua militanza attiva a favore degli arabi e dei musulmani. Impegno che ha ribadito subito dopo nell'intervista a Le Temps, sottolineando: ''io, in effetti, conduco una lotta quotidiana contro i pregiudizi nei riguardi degli arabi e dell' Islam. Qualsiasi occasione mi e' propizia per difendere questa causa. Metto la mia notorieta' di top model e di animatrice adulata dagli italiani al servizio dell'ideale di tolleranza che vado predicando''. Tolleranza che non riconosce a Magdi Allam, un tempo suo ''compagno di strada'', ma che ''adesso, dopo che si e' convertito al cristianesimo, non arresta i suoi attacchi virulenti contro l'Islam e i suoi fedeli''. Riferendosi all'Italia (della quale e' cittadina dal 1990), Afef lamenta che, a differenza della Francia, non vi siano associazioni ''forti'' per la difesa delle comunita' maghrebine e arabe. ''Ma - sottolinea - non crediate che tutti gli italiani ci sono ostili. Certo, la crisi mondiale attuale ha esacerbato o risvegliato qualche vecchio riflesso xenofobo (principalmente contro gli arabi), ma non al punto di fare dell' Italia un inferno per le nostre comunita'''. Ad ogni buon conto, ricorda, e' costantemente accompagnata da una guardia del corpo e questo per volere del suo terzo marito, l'imprenditore Marco Tronchetti Provera. L'ultima domanda dell'intervista riguarda il suo futuro, legato al costante impegno nel sociale per il mondo arabo-islamico. Un impegno, afferma, che in Italia suscita l'interesse di molti per cui ''ci si sforza - e' la risposta - di trovarmi una qualsiasi affiliazione politica, ma fuggo costantemente da queste etichette. Non e' ancora giunto il momento che io faccia parte di un determinato gruppo. Ma non tardera'. Ho sempre pensato che la mia carriera di top model e di animatrice alla televisione non rappresenta che una tappa preparatoria per degli impegni piu' politici''. E Le Temps ricorda ai suoi lettori che ''Afef Jnifen fu, per un certo periodo, consigliera di Berlusconi, ma oggi e' consigliera tecnica presso diversi partiti politici, di destra e di sinistra''.