Notizie

Loading...

venerdì 10 luglio 2009

Marwa. Martire del Razzismo.

Il 1 luglio scorso sono comparsi di fronte al giudice del Tribunale di Dresda, un imputato, Alex W, tedesco, 28 anni, e Marwa al Sherbini, egiziana, 32 anni.

Quest'ultima, madre di un bambino di tre anni e al terzo mese di gravidanza aveva accusato il cittadino tedesco di averla ingiuriata con offese razziste, come "terrorista", "islamista", "puttana", solo perché gli ha chiesto di lasciare l'altalena per suo figlio.

Il giudice riconosce per la querelante un risarcimento di 780 euro. Il vero risarcimento, però, arriva subito dopo: nel bel mezzo del tribunale, Marwa viene uccisa da Alex W con un grosso coltello. Ben 18 coltellate davanti al suo bimbo.

La polizia non è riuscita a impedire l'omicidio. Anzi, i poliziotti hanno involontariamente (sic) ferito il marito di lei, un borsista egiziano in Germania, accoltellato a sua volta mentre difendeva la moglie. E' stato portato in ospedale in coma.

La domanda, che si pongono giustamente anche in Egitto, è: se ad accoltellare qualcuno dentro l'aula di un tribunale fosse stato un musulmano, per quanto tempo ne avrebbero parlato sui media, da queste parti?

Ipocriti.