Notizie

Loading...

martedì 12 gennaio 2010

Grazie, Egitto!

IMMIGRATI: EL-SEBAIE, EGIZIANI IN ITALIA SODDISFATTI PER INTERESSAMENTO DEL CAIRO.

Torino, 12 gen. - (Aki) - "Da anni ormai ci appellavamo ai governi arabi affinché prendessero le misure politiche ed economiche adeguate a difesa dell'onorabilità ed incolumità dei propri cittadini in Italia". E' con queste parole che Sherif El Sebaie, intellettuale egiziano, esponente della comunità islamica torinese, spiega ad AKI-ADNKRONOS INTERNATIONAL come i suoi connazionali immigrati in Italia abbiano accolto le critiche rivolte al nostro governo dal ministero degli Esteri del suo paese per i fatti di Rosarno. "Come cittadino egiziano, il fatto che il mio paese, che è un paese chiave del Medio Oriente e governo amico dell'Italia, sia stato il primo a pronunciarsi contro le violenze subite dagli immigrati non può che tranquillizzarmi - spiega - come credo tranquillizzi gran parte degli immigrati arabi, africani e musulmani residenti in Italia". El-Sebaie si dice contento e ringrazia il governo del Cairo "per l'attenzione prestata alle segnalazioni inerenti la condizione degli immigrati musulmani che ben traspare dal contenuto del comunicato di protesta diramato oggi dal ministero degli Esteri egiziano. Ringrazio in modo particolare il ministro per l'Immigrazione egiziano, Aisha Abdel Hadi, con cui ho avuto l'opportunità di dialogare a Torino in merito alla condizione degli immigrati musulmani residenti in Italia".

ROSARNO: INTELLETTUALE EGIZIANO,POLITICI ITALIANI RIFLETTANO

(ANSA) - ROMA, 12 GEN - "Da anni ormai ci si appella ai governi arabi affinché prendano le misure politiche ed economiche adeguate a difesa dell'onorabilità e incolumità dei propri cittadini in Italia. Come cittadino egiziano, il fatto che il mio paese sia stato il primo a pronunciarsi contro la campagna di aggressione e le violenze subite dagli immigrati non può che tranquillizzarmi, come credo tranquillizzi gran parte degli immigrati arabi, africani e musulmani residenti in Italia". Così Sherif El Sebaie, intellettuale egiziano ed esponente della comunità islamica torinese, a proposito delle accuse dell'Egitto all'Italia dopo i fatti di Rosarno. "Desidero ringraziare il Presidente Hosni Mubarak, il Ministro degli Esteri della Repubblica Araba d'Egitto e l'Ambasciata egiziana in Italia - afferma El Sebaie - per l'attenzione prestata alle segnalazioni inerenti la condizione degli immigrati musulmani, che ben traspare dal contenuto del comunicato di protesta recentemente diramato dal Ministero degli Esteri Egiziano. Un ringraziamento particolare va rivolto al Ministro per l'immigrazione egiziano, Aisha Abdel Hadi, con cui ho avuto l'opportunità di dialogare proficuamente a Torino in merito alla condizione degli immigrati musulmani residenti in Italia". "Mi auguro che la netta presa di posizione espressa in tale comunicato sia oggetto di riflessione da parte del mondo politico italiano, nonché di un civile dibattito e un confronto democratico al fine di migliorare i rapporti tra immigrati e autoctoni in Italia" conclude.