Notizie

Loading...

domenica 5 giugno 2011

Basta voler le chiese al centro del terrorismo!

Come sapete, ho la cattiva abitudine di farmi del male seguendo attentamente le mosse e le dichiarazioni di quel personaggio che risponde al nome di Magdi Allam, nella convinzione che egli rappresenti il maggior pericolo per la convivenza civile in Italia. L'ultimo articolo in cui questo immigrato più realista del re si è esibito sul suo sito è assolutamente imperdibile. Criticando il sindaco di Reggio perché ha accolto in occasione della "Festa della Repubblica il signor Adil El Marouakhi, direttore della Fondazione Mondinsieme" che "è diventato insieme ai rappresentanti di 35 associazioni di immigrati, il centro dell’attenzione più di quanto non lo siano state le autorità italiane, dal prefetto, ai vescovi ai parlamentari, fino ai partigiani e ai rappresentanti della società civile reggiana", il nostro si lamenta dei "miti ideologici di un italianismo che subordina l’interesse degli italiani a quello degli immigrati". Il che ha davvero un non so che di ridicolo, visto che viene affermato da un immigrato un po' abbronzato, naturalizzato con modalità oggetto di un'interrogazione al Senato della Repubblica dove ci si chiede, testualmente, se "considerato che lo stesso Allam si vanta di aver ottenuto "fraudolentemente" il rinnovo del permesso di soggiorno, tale illecito potrebbe avere effetti sulla validità della successiva acquisizione da parte sua della cittadinanza italiana" e che nonostante questo è stato e viene ancora osannato, con tanto di trasmissioni televisive, interviste, ospitate e comparsate, premi, prebende elettorali e scorte manco fosse l'attuale Presidente del Consiglio. Ma siccome il ridicolo impersonato da Allam non ha limite, anzi probabilmente è peggiorato dopo la vittoria di Pisapia, il nostro urla sul suo sito "Basta legittimare l’islam, il Corano, Maometto, le moschee, le scuole coraniche e i tribunali islamici! Guardatevi almeno attorno per capire che se negli stessi Paesi islamici le moschee sono covi di terroristi, bersagli dei terroristi e dei nemici dei terroristi, non possiamo far finta di niente, non possiamo continuare a odiarci a tal punto da volere a tutti i costi le moschee, anzi le mega-moschee!". Allam è infatti giunto alla brillante conclusione che dovremmo "smetterla di volere le moschee" perché "ovunque nel mondo sono sempre più nel mirino dei terroristi islamici e dei nemici dei terroristi islamici". Si, avete capito bene: poiché "Venerdì scorso a Sanaa la moschea interna al Palazzo Presidenziale è stata attaccata da colpi di mortaio" e lo stesso giorno a Tikrit "la moschea principale è stata oggetto di un attentato. L’esplosione di una bomba ha ucciso 19 persone e ferito altre 55", non dovremmo permettere la costruzione di moschee in Italia. Immagino per garantire l'incolumità dei fedeli musulmani e dei passanti cristiani. Ecco, bravo. Adesso ci manca solo che qualche buontempone sostenga, anche in Egitto, che poiché le chiese locali sono spesso oggetto di attacco da parte dei terroristi e dei fondamentalisti (un paio sono state incendiate qualche settimana fa, vedi foto accanto), forse sarebbe meglio non costruirle per niente. Non fosse altro che per garantire la sicurezza dei cristiani e dei fedeli musulmani che vi passano accanto. Non possiamo mica continuare ad odiarci, noi egiziani, a tal punto da voler a tutti i costi le chiese. Anzi, le mega-chiese...