Notizie

Loading...

sabato 11 giugno 2011

E il vincitore è...Khalid Chaouki

A Khalid Chaouki - già membro della "Consulta islamica" del ministro Pisanu e oggi responsabile nazionale Seconde generazioni del PD - questo blog ha dedicato, in passato, numerosi articoli. Segnalo in particolare questo, da leggere prima di proseguire con il presente post. L'avete letto? Bene: oggi ho il piacere di annunciarvi che il tribunale di Milano sezione civile ha "condannato Maurizio Belpietro e Maria Giovanna Maglie per diffamazione ai danni di Khalid Chaouki. In un articolo pubblicato il 22 luglio 2007 la Maglie aveva attaccato Chaouki per le sue critiche a Magdi Allam. Come ha accertato il tribunale di Milano la Maglie usava nell’articolo parole offensive e denigratorie, una reazione ingiustificata alle critiche ragionate ed equilibrate di Chaouki a Magdi Allam. “E’ ancora un esempio di aggressione mediatica a chi si discosta dal coro – è il commento di Luca Bauccio, avvocato di Chaouki – la sentenza dimostra che il rispetto delle persone è primario in una società civile. Il metodo di aggredire moralmente l’avversario insinuando e alludendo è inaccettabile, così come è inaccettabile la gogna che taluni media riservano a chi è musulmano, facendogliene per ciò stesso una colpa”. Kalid Chaouki da parte sua si è detto molto soddisfatto della sentenza ” Sono stato vittima di una vera e propria aggressione mediatica. E’ necessario in Italia un ritorno ai valori dell’umanesimo e del rispetto. E’ inaccettabile che si riservi un agguato mediatico solo per aver dissenttio da Magdi Allam, le cui tesi e i cui toni non condivido e che anzi ritengo inaccettabili in una società moderna e progredita. Abbiamo bisogno di confrontarci con le realtà internazionali e non certo di disseminare la nostra società di slogan aggressivi e raccapriccianti”.