Notizie

Loading...

martedì 13 settembre 2011

La strada in discesa dell'Egitto.

Prima di leggere le qui riportate risposte date ieri da Benny Morris - che non è certo l'ultimo degli arrivati - all'ottima Francesca Paci de La Stampa, consiglio due riletture (qui e qui). A che pro? Ma ovvio: perché le cose che dice Morris il sottoscritto le ha largamente anticipate su questo blog. Nella foto il cartello innalzato da un manifestante israeliano di fronte all'ambasciata egiziana a Tel Aviv: "Niente più pace. Niente più Sinai".

È dunque allarme rosso nei rapporti con l’Egitto?

«Temo di sì. L’assalto alla nostra ambasciata al Cairo è una pietra miliare che segna la strada in discesa iniziata ad agosto quando, a dispetto delle cinque guardie di frontiera uccise imputateci oggi dagli egiziani, a essere attaccato fu Israele. Gli islamisti sono in ascesa e il trattato di pace del 1979, vecchia fissazione dei Fratelli Musulmani, è a rischio non appena il potere degli estremisti passerà dalle piazze ai palazzi».

Crede davvero che Camp David sarà presto carta straccia?

«Vorrei essere ottimista ma prevale il realismo. Il trattato di pace non durerà, la prossima scossa sarà il riconoscimento dei palestinesi all’Onu. Per Camp David è questione di mesi».

La primavera araba si sta rivelando l’inverno israeliano?

«È peggio: la primavera araba, che preferisco chiamare rivolta araba, sarà l’inverno dell’Occidente. La speranza che si trattasse di una richiesta di democrazia appare sempre più la pia illusione di illuminate menti occidentali. Ci odiano tutti e Israele è solo il primo bersaglio della lista. Quando ci troveremo di fronte i nuovi regimi islamici rimpiangeremo quelli precedenti».

Eppure alla caduta di Mubarak piazza Tahrir era piena di giovani liberal. Non concede proprio alcuna chance agli arabi democratici?

«È vero, i liberali hanno guidato le rivolte di Tunisi e del Cairo. Ma in entrambi i casi si tratta di una minoranza. La gran parte della popolazione egiziana, come in tutto il mondo arabo, è conservatrice e fortemente religiosa».