Notizie

Loading...

sabato 8 dicembre 2012

Salamelik, l'ISPO e la solita idiota.

Nei giorni scorsi ho riferito di aver ricevuto una mail dall' Istituto per gli Studi sulla Pubblica Opinione, in cui mi si invitava a partecipare ad un sondaggio. La mail definiva questo blog e ovviamente anche altri - trattandosi appunto di un sondaggio - "nel loro specifico settore di interesse, le realtà più interessanti e vitali del web". Ho pensato quindi di cogliere l'occasione di questa selezione per ringraziare i miei lettori.

La solita idiota (si, sempre lei) ha pensato invece di strumentalizzare la comunicazione per dipingere il sottoscritto come uno che si vanta di una mail di spam "che è stata inviata praticamente a tutti i blogger d’Italia". Mi sono quindi premurato di chiedere ai responsabili della ricerca - menzionati nella comunicazione che ho ricevuto con tanto di nome, cognome ed email - se queste affermazioni corrispondessero al vero. Ecco la loro riposta:

"Abbiamo inviato il questionario a un accurato campione di blogger – scelto anche con l’aiuto di Daniela Farnese, della cui consulenza ci siamo avvalsi in questa prima fase di ricognizione sulla blogosfera. Un campione ha – per sua stessa natura – una numerosità, che però è ben lontana dal comprendere "praticamente a tutti i blogger d'Italia".

In realtà tutto ciò era abbastanza evidente. A qualcuno queste cose magari non interessano, ma a me si: se uno tiene un blog che si occupa di un determinato tema, tra l'altro di nicchia, e che per questo si sorbisce non pochi mal di pancia e insulti quotidiani al limite dello stalking, l'essere stato selezionato fra le centinaia di migliaia se non milioni di blog italiani anche solo per un semplice sondaggio non può che far piacere.

Ora si capisce che questo possa dare fastidio a chi si aspetta che l'immigrato "stia al suo posto", e cioè in posizione di sottomissione - anche ideologica - ai maestrini vari, specie quelli della Gauche Sardine. Posso immaginare anche che il fatto che questo blog venga indicato come fonte interessante e/o attendibile su determinati argomenti (e qui non mi riferisco all'ISPO quanto ad altri enti/portali specializzati che hanno segnalato questo sito), tolga loro il primato e l'esclusiva che avrebbero voluto tenersi stretta. Ma la meschinità di certe persone riesce sempre a soprendermi. 

Se una determinata lettura dà sui nervi, basta non aprire la pagina web. Il fatto che ci sia gente che dedica la sua morbosa attenzione a ogni mia parola, affermando ogni benedetta volta che sbottano di essere "capitati qui per caso", quando anche uno dotato di un briciolo di intelligenza capisce che seguono maniacalmente ogni post "da mesi", non lo capisco proprio. Esistono invenzioni come cancellare dai preferiti, dai feed, da Google Reader, il "non mi piace" di Facebook: insomma, i mezzi per dimenticarsi totalmente dell'esistenza del sottoscritto non mancano.

Io arrivai un giorno a consigliare ai deficienti che insultavano nei commenti di cambiare addirittura paese. Ma evidentemente qualcuno riesce ancora a sognarmi la notte, anche dopo aver cambiato paese. Presumo che questo fenomeno abbia a che fare con le conseguenze dell'abuso di alcolici (che tra l'altro non fanno bene alla linea): mi sa che dovrò mettermi il cuore in pace, e aspettare gli effetti del prossimo rum.